Translate

domenica 24 novembre 2013

Un week end meneghino ed i mandrilloni

Il tempo di Milano mi fa invidiare quello di Parigi. E' tutto dire!
Ma chi se ne frega del tempo, sono in una pizzeria con due dei miei figli!
- La settimana scorsa in Corea del Nord hanno giustiziato in una sola giornata 80 persone. Alcune fra esse sono state condannate perché sorprese a guardare la televisione sud-coreana. - dice mia figlia sempre attenta alle notizie che riguardano la libertà di pensiero.
- Ma come diavolo li hanno scoperti? Li spiano dalle finestre? - chiedo osservando il menù. So che prenderò una prosciutto e funghi.
- Li hanno trovati che ballavano Gangnam Style! - dice il mio secondogenito.
Ridiamo tutti e tre.
Mia figlia ridiventa seria.
- Scemo, quelli sono morti davvero! -
- E che ci posso fare io? ... eppoi siamo in pizzeria ... cerco un po' di sdrammatizzare! -
Arriva la cameriera.
- Una capricciosa. - ordina mio figlio.
- Una vegetariana. - chiede mia figlia.
- Per me ... ... -
- Una prosciutto e funghi! - dicono in coro i due furbetti.
La cameriera mi guarda.
-, faccia come dicono loro ... m'aspetta una dura vecchiaia! - dico con l'aria di chi si sente una vittima predestinata.
Mi riallaccio all'argomento caro a mia figlia.
- Certo che per i dittatori il controllo della comunicazione è importante. Non ce n'è uno che abbia derogato a questa necessità. I vostri nonni ascoltavano di nascosto Radio Londra durante la guerra. Le trasmissioni erano aperte dalle note della quinta sinfonia di Beethoven. -
Mi guardano come raccontassi qualcosa d'assolutamente inedito per loro. Mi stupisco poiché la mia generazione è cresciuta con film sulla seconda guerra mondiale e c'era sempre qualcuno che ascoltava clandestinamente la trasmissione britannica.
Certo i loro riferimenti sono diversi dai miei! Io appartengo ad un'altra generazione anche se non voglio rassegnarmi. Fra qualche anno sarò nonno. Di cosa parlerò ai miei nipoti? Degli anni di piombo?
Cambio discorso ma resto sulla tematica dei regimi dittatoriali.
- Ho da poco terminato un libro, prestatomi da un mio collega. L'ho letto in francese, non so se è uscito ancora in Italia. -
- Ah ... e come s'intitola? - chiede mio figlio.
- Femmes de Dictateurs. Parla delle donne avute dai dittatori dello scorso secolo. E ' interessante perché molti di questi uomini vengono descritti con gli occhi delle loro amanti. -
- Cosa ne viene fuori? -
- Che si tratta di uomini con un ego smisurato. -
- Beh, questa non è una novità! - osserva il mio secondogenito.
- ... e che sono tutti dei mandrilloni! - proseguo io.
- Come Berlusconi. - dice mia figlia.
, come Berlusconi.
Ecco il loro riferimento della forza oscura. Sono cresciuti, nel bene o nel male in sua compagnia.
Beh, tutto sommato è molto meglio di Hitler, Mussolini, Stalin, Ceausescu ... per la prima volta in vita mia sono grato all'uomo di Arcore.